Deleuze e Ejzenstejn
Deleuze e Ejzenstejn
Coloro che per primi fecero e pensarono il cinema partivano da un’idea semplice: il cinema come arte industriale giunge all’auto-movimento,
Read more.
le infinite storie dei classici
Le infinite storie dei classici
Qualche tempo fa un amico mi ha invitato ad esprimere la mia posizione sull’opportunità di pubblicare alcuni romanzi classici in
Read more.
Fahrenheit 451
«Sii prudente. Abbi cura della tua salute. Se dovesse succedere qualcosa a Harris, tu sei il libro dell’Ecclesiaste. Vedi come
Read more.
Quello laggiù è il mio cuore
Quando tornò a casa, lei non c’era ma la macchina sì. Arrivò fino alla stalla e vide che mancava il
Read more.
Vedersi guardare
Una mattina, durante una delle sue passeggiate d’erborista, una circostanza insignificante e quasi grottesca lo fece riflettere; essa ebbe su
Read more.
Immagini ed esperienza
Una via verso la realtà passa attraverso le immagini. Non credo che ne esista una migliore. Ci teniamo stretti a ciò
Read more.
Ottavia
Se volete credermi, bene. Ora dirò come è fatta Ottavia, città-ragnatela. C’è un precipizio in mezzo a due montagne scoscese:
Read more.
grammatica valenziale
Grammatica valenziale: attività ed esercizi
La grammatica valenziale fonda il proprio statuto sulla proprietà, da parte del verbo, di legare a sé necessariamente un certo
Read more.
esercizi sulle coniugazioni verbali
Esercizi sulle coniugazioni verbali
A questo link si trovano una serie di esercizi sulle coniugazioni verbali. Questi esercizi sulle coniugazioni verbali sono distinti per
Read more.
esercizi di analisi logica
Esercizi di analisi logica
Cliccando su questo link è possibile accedere ad un portale che contiene degli esercizi di analisi logica online. Gli esercizi
Read more.
ripasso di analisi logica
Ripasso di analisi logica
All’inizio della terza media ci si trova con la necessità di riprendere e ripassare gli argomenti svolti nel precedente anno
Read more.
Morfologia
Con una classe prima media, dopo aver affrontato alcune questioni relative alla fonologia e all’ortografia, ci stiamo accingendo ad iniziare
Read more.
Individua la frase semplice
L’individuazione della frase semplice all’interno della frase complessa è la prima competenza su cui si costruisce la familiarità degli allievi
Read more.
Grammatica per scoperta
Le schede didattiche di grammatica per scoperta che propongo qui sono molto semplici, ma rispondono all’esigenza di invertire il rapporto,
Read more.
L’Italia postunitaria
I problemi dell’Italia postunitaria costituiscono un tema importante e dibattuto per la nostra storia, che lasciano spesso delle tracce in
Read more.
Imperialismo tra storia e scrittura
L’imperialismo è uno dei concetti storico-geografici centrali nel programma di terza media. Per quanto riguarda l’inquadramento nella programmazione di Storia,
Read more.
Scheda sul Risorgimento
La necessità di elaborare questa scheda didattica sul Risorgimento deriva dal fatto che il manuale attualmente in adozione (giusto per
Read more.
Galileo e Keplero
La Rivoluzione Scientifica è sicuramente uno degli argomenti del programma di Storia di seconda media che affascina maggiormente gli allievi.
Read more.
La conferenza di Parigi
La Conferenza di Parigi costituisce un momento cruciale nella storia del Novecento europeo e mondiale. Nei manuali di storia in
Read more.
L’arte rinascimentale
Stasera finalmente mi sono dedicato ad una delle mie attività preferite: preparare una presentazione in power-point con l’analisi di alcune
Read more.
Umanesimo e Rinascimento
Allego una presentazione in power-point sui caratteri fondamentali di Umanesimo e Rinascimento. La presentazione riprende e sintetizza il capitolo del
Read more.
land-grabbing
Il land grabbing e le sue conseguenze
Il termine land grabbing (letteralmente “accaparramento di terre”) indica una forma di neocolonialismo per cui gli stati economicamente più forti
Read more.
attività cooperativa sui climi europei
Attività cooperativa sui climi europei
L’attività cooperativa sui climi europei che propongo è estremamente semplice, e segue l’impostazione di didattica per scoperta che è stata
Read more.
Coordinate geografiche
Negli ultimi anni di insegnamento ho incontrato qualche difficoltà quando ho dovuto affrontare assieme ai ragazzi di prima media il
Read more.
I moti della terra
Di seguito allego un’agile presentazione in power-point che illustra i principali moti della Terra (rotazione e rivoluzione) e le loro
Read more.
il battello bianco
Il battello bianco
Il battello bianco si staglia all’orizzonte, sul grande lago Ysykköl, nella periferia estrema dell’Unione Sovietica. Lo osserva un bambino senza
Read more.
cuore de amicis
Cuore di De Amicis: scheda sul romanzo
Nel corso di quest’anno scolastico ho avuto la fortuna di poter mettere in piedi con una classe terza media un
Read more.
Camilla che odiava la politica
Camilla che odiava la politica
Per una fortuita (e fortunata) circostanza, alla fine dello scorso anno scolastico ho letto “Camilla che odiava la politica” di
Read more.
Mio fratello rincorre i dinosauri
“Mio fratello rincorre i dinosauri (Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più)” di Giacomo Mazzariol non
Read more.
ritornare a Pleasantville
Ritornare a Pleasantville
Ritornare a Pleasantville. Ogni qualvolta mi trovi a riflettere su un film da proporre ad una terza media riguardo all’orientamento,
Read more.
Fiaba tradizionale e fiaba moderna
Il confronto tra fiaba tradizionale e fiaba moderna viene affrontato da tutte le antologie in adozione per il primo anno
Read more.
Mission
Mission di Roland Joffè, film del 1986 vincitore al Festival di Cannes e interpretato da Robert de Niro, Jeremy Irons
Read more.
Sherlock Holmes
Sherlock Holmes è un film di Guy Ritchie del 2009, interpretato da Robert Downey Jr. (ma qui già avviato verso
Read more.
Il giro del mondo in 80 giorni
Il giro del mondo in 80 giorni è un film diretto da Frank Coraci nel 2004, che ben si presta
Read more.

Deleuze e Ejzenstejn

Coloro che per primi fecero e pensarono il cinema partivano da un’idea semplice: il cinema come arte industriale giunge all’auto-movimento, il movimento automatico, fa del movimento il dato immediato dell’immagine. Un movimento di questo tipo non dipende più da un mobile o da un oggetto che io eseguirebbe, né da una mente che lo ricostruirebbe. È l’immagine che muove se stessa in se stessa. In questo senso non è dunque né figurativa, né astratta. Si dirà che questo era già vero per tutte le immagini artistiche; Ejzenstejn infatti continua a analizzare i quadri dì Leonardo da Vinci, del Greco, come fossero immagini cinematografiche […]. Ma le immagini pittoriche non sono per questo meno immobili in sé, sicché è la mente che deve “fare” il movimento. E le immagini coreografiche o drammatiche restano legate a un mobile. Solo quando il movimento diventa automatico, l’essenza artistica dell’immagine si attua: produrre uno choc [...]

Comprensione del testo: materiali INVALSI

All'inizio di quest'anno scolastico, per motivi contestuali, ho deciso di lavorare in modo più puntuale sulla comprensione del testo, oltre che attraverso le letture antologiche, i romanzi e alcuni passaggi della storia della letteratura italiana, anche attraverso la riproposizione dei test INVALSI degli esami di licenza media. A fini esclusivamente pratici (minor dispendio di carta e fotocopie, minor tempo per l'esecuzione di ciascuna prova, eventuale indisponibilità di terminali per tutta la classe), ho preparato dei pdf conformi agli originali INVALSI per quanto riguarda ciascun testo narrativo, espositivo o argomentativo, e ho cercato di condensare in due facciate di un foglio A4 anche tutti i quesiti (se qualcuno volesse testare delle prove online, può farlo tramite questo link). Somministrando un testo la settimana, si riduce il tempo di svolgimento della prova, e c'è modo di avviare delle attività riguardanti il lessico (eventualmente da svolgere per casa), soprattutto nei contesti più fragili [...]

Grammatica valenziale: attività ed esercizi

La grammatica valenziale fonda il proprio statuto sulla proprietà, da parte del verbo, di legare a sé necessariamente un certo numero di elementi. In questo modo il verbo e gli elementi necessari formano il nucleo della frase, e cioè una frase minima di senso compiuto. Inizialmente elaborata da un linguista francese, la grammatica valenziale è stata ripresa e riproposta in Italia da studiosi come Francesco Sabatini, Maria G. Lo Duca e Vittorio Coletti. Negli ultimi anni, la grammatica valenziale ha trovato spazio anche nei manuali per la scuola media, come nel caso del testo "Io conosco la mia lingua", curato da Sabatini. Nell'articolo Lettera sul “ritorno alla grammatica” Obiettivi, contenuti, metodi e mezzi., Sabatini rileva che la riflessione sulla lingua è fondamentale nell'istruzione scolastica per diversi motivi: innanzitutto perché non è posibile utilizzare in modo consapevole la lingua senza conoscere il suo funzionamento, successsivamente perché questa conocenza può essere utile [...]

Il battello bianco

Il battello bianco si staglia all'orizzonte, sul grande lago Ysykköl, nella periferia estrema dell'Unione Sovietica. Lo osserva un bambino senza nome, con il suo binocolo, dalla sommità di una collina. Lì immagina di potersi recare, un giorno, per ricongiungersi ad un padre marinaio che, come la madre, l'ha abbandonato per cominciare altrove una nuova vita. Il bambino vive in uno sparuto insediamento di tre case, ai margini di una riserva forestale. Circondato da adulti miserabili, rancorosi e violenti, il bambino trova nel nonno Momun, un vecchio remissivo e mite, il sottile filo che lo tiene ancorato ad una relazione affettiva autentica, e dà senso al lavorìo una fervida immaginazione, che frequentemente si mescola alla realtà fino a prenderne il posto, in un moto di ribellione infantile fragile e disperato. Quando anche Momun verrà stritolato e umiliato dal senso di colpa e dalla sopraffazione, anche il filo che tiene legato il [...]

Il land grabbing e le sue conseguenze

Il termine land grabbing (letteralmente "accaparramento di terre") indica una forma di neocolonialismo per cui gli stati economicamente più forti (come gli Stati Uniti) e in qualche caso estremamente popolosi (come ad esempio la Cina) acquistano, spesso a condizioni favorevoli, vaste estensioni di terreno agricolo nei paesi in via di sviluppo (in particolare di Africa, Asia Sud-orientale, Indonesia) per affrontare il problema interno dell'autosufficienza alimentare, soprattutto in ottica strategica, quando, in un futuro prossimo, la popolazione mondiale continuerà ad aumentare, rendendo problematico in alcune aree l'approvvigionamento idrico e alimentare. Il land grabbing è quindi un fenomeno legato alle dinamiche geopolitiche attuali, ai processi di globalizzazione, che tuttavia si innesta in un sistema di rapporti di disuguaglianza economica quali si erano configurati nel corso dell'Ottocento tra l'Europa e i continenti africano e asiatico. D'altra parte, il possesso della terra e della riforma agraria come momento fondamentale di distribuzione della ricchezza e [...]

Nuovo bullismo: analisi del testo espositivo

Segnalo l'interessante articolo "Il nuovo bullismo", apparso nell'inserto domenicale "La Lettura" del Corriere della Sera, a firma di Jessica Chia, il 25 febbraio scorso. L'articolo può essere efficacemente utilizzato per un'attività di comprensione, analisi e rielaborazione del testo espositivo, anche come esercitazione per la prova di licenza media. L'articolo "Il nuovo bullismo" è inoltre un interessante testo misto, poiché presenta un apparato di grafici che interagiscono efficacemente con la parte testuale, a volte illustrandola, a volte integrandola. A questo link è possibile scaricare una prova di comprensione del testo in cui viene richiesto agli allievi di operare inferenze testuali e lessicali, confronti tra testo scritto e apparato grafico, produzione di tabelle esplicative e riassunto.

Cuore di De Amicis: scheda sul romanzo

Nel corso di quest'anno scolastico ho avuto la fortuna di poter mettere in piedi con una classe terza media un laboratorio di ricerca storiografica dedicato alla storia della scuola italiana. L'occasione è stata proficua per coinvolgere gli allievi nella ricerca di fonti storiografiche relative a questo ambito di ricerca, oltre che per accedere agli archivi presenti sul territorio e toccare con mano documenti risalenti agli anni immediatamente successivi all'Unità. Il laboratorio presenta nessi interdisciplinari in tutte le direzioni; il problema principale da affrontare è quindi consistito nella progressiva ridefinizione dell'ambito di ricerca, sulla base delle fonti raccolte e della ricerca di una linearità logica che fosse chiara agli allievi. Per quanto riguarda il ricorso alla Letteratura, ho deciso di proporre ai ragazzi la lettura di Cuore di De Amicis, che per molti anni ha rappresentato un classico sui banchi di scuola italiani. Ero curioso di rileggere integralmente il romanzo di [...]

Testo argomentativo: struttura e stesura

In attesa di raccontare, prima o poi, le mie perplessità relative al concetto e alla pratica della "scrittura creativa", riporto una recente riflessione, condivisa in classe  con i miei allievi, su come si scrive un testo argomentativo. Dopo aver letto diversi brani dal libro di antologia, ci siamo appoggiati alla struttura testuale del testo argomentativo meno complessa (quindi liberata dall'antitesi e dal suo ribaltamento) e abbiamo cercato assieme di individuare le strategie più efficaci per far comprendere in modo chiaro al lettore la struttura dell'argomentazione. Il lavoro si è prevalentemente concentrato sulla strutturazione in capoversi, sulla loro lunghezza e strutturazione interna, e soprattutto sull'uso di connettivi testuali che permettano al lettore di orientarsi in modo sicuro tra gli argomenti portati a sostegno della tesi. Il primo punto problematico sul quale ci siamo soffermati è che la stesura di un buon testo argomentativo non può prescindere in alcun modo dalla rielaborazione [...]

Tu impersonale: esercizi per la revisione

L'uso del tu impersonale è uno dei tratti più caratteristici della forma scritta degli allievi di scuola media. Come in altri casi (e penso, ad esempio, all'uso dei due punti dopo il verbo essere per introdurre degli elenchi), il suo impiego è talmente consolidato e automatizzato fin dalla scuola primaria da rendere inefficaci processi di revisione, anche guidata, del testo scritto. Non si tratta evidentemente di una forma errata: tuttavia il suo utilizzo è maggiormente legato ad un contesto comunicativo informale o colloquiale, e quindi mi trovo a suggerire, spesso senza successo, l'impiego di altre forme impersonali, tipiche un registro più formale e controllato. Ritenendo prioritario questo obiettivo rispetto all'astratta osservazione di una norma, ho tuttavia proposto alcuni esercizi sul tu impersonale, in modo che gli allievi iniziassero se non altro a familiarizzare con l'ascolto di questa forma impersonale, che deve essere prima di tutto "sentita" e riconosciuta, prima ancora [...]

Ritornare a Pleasantville

Ritornare a Pleasantville. Ogni qualvolta mi trovi a riflettere su un film da proporre ad una terza media riguardo all'orientamento, non posso che ritornare a Pleasantville di Gary Ross, un film del 1998 che immagina l'ingresso fiabesco di due adolescenti degli anni Novanta nella fiction televisiva che dà il nome al film, e che rievoca gli Stati Uniti nella loro immagine più tradizionale di opulenza e benessere diffuso che si attribuisce agli anni Cinquanta del Novecento. Il mondo artefatto, perfetto, ovattato e conformista mostrato nella serie (del tutto simile a quello messo in scena a The Truman show di Weir) viene sovvertito dall'irruzione dei due adolescenti, fratello e sorella, che si ritrovano catapultati nel ruolo dei due figli protagonisti della serie tv, quando a Pleasantville non vibrano i colori (ma solo gradazioni di grigio), esistono soltanto due strade, i libri hanno le pagine completamente bianche e la squadra di basket [...]

Esercizi sulle coniugazioni verbali

A questo link si trovano una serie di esercizi sulle coniugazioni verbali. Questi esercizi sulle coniugazioni verbali sono distinti per coniugazione (poprie e tre coniugazioni regolari, sia attive che passive), e richiedono l'inserimento della voce verbale corretta, che deve essere inserita nel modo, forma, tempo, persona e numero richiesti. All'apertura della pagina vengono caricate automaticamente dieci voci verbali: dopo aver svolto l'esercizio, sarà sufficiente cliccare F5 oppure il tasto di refresh del browser per caricare un'altra lista. Per accedere agli esercizi sulle coniugazioni verbali cliccare QUI.

Le infinite storie dei classici

Qualche tempo fa un amico mi ha invitato ad esprimere la mia posizione sull'opportunità di pubblicare alcuni romanzi classici in un riadattamento che li renda maggiormente accessibili ai giovani lettori. Lo spunto era offerto da un paio di interessanti articoli, uno dei quali può essere letto a questo link, nel quale la collega e scrittrice che firma il pezzo offre diversi spunti di riflessione, alcuni dei quali degni di nota. Tra questi, uno che mi ha colpito è quello che riguarda la comprensibilità dei romanzi a cui si attacca la spinosa etichetta di "classici": in questo caso, l'opportunità del riadattamento potrebbe quindi rispondere all'esigenza che la pagina letteraria non risulti incomprensibile a chi la legge. La semplificazione avrebbe quindi finalità divulgative, nel momento in cui permette di conoscere, seppur per sommi capi, opere a cui, in altro modo, schiere di lettori non potrebbero avere accesso. Per fare questo, lo scrittore [...]

Attività cooperativa sui climi europei

L'attività cooperativa sui climi europei che propongo è estremamente semplice, e segue l'impostazione di didattica per scoperta che è stata sperimentata anche in altre discipline. Questa attività costituisce la rimodulazione di un’attività più complessa, ancora tutta da progettare, che dovrebbe portare gli allievi non soltanto allo studio dei climi di una determinata area geografica, ma soprattutto alla costruzione di una cartina climatica: in attesa di poter lavorare concretamente a questo progetto, l’attività cooperativa sui climi europei che sto sperimentando si concentra principalmente sulla comprensione e rielaborazione di differenti tipi di testo e sul lavoro in piccoli gruppi. Sulla base di questa impostazione generale, prima di affrontare lo studio delle caratteristiche climatiche in dettaglio sul manuale, ho sottoposto agli allievi questa scheda, in cui viene loro richiesto di analizzare i dati climatici di dodici città europee e di raggrupparle secondo caratteristiche di temperatura e piovosità. Le tabelle sono tratte da uno [...]

Camilla che odiava la politica

Per una fortuita (e fortunata) circostanza, alla fine dello scorso anno scolastico ho letto "Camilla che odiava la politica" di Luigi Garlando, che mi era noto, oltre che come autore di romanzi per ragazzi, anche per i suoi articoli ed editoriali che compaiono in un'imprescindibile lettura di accompagnamento del caffè mattutino, ovvero "La Gazzetta dello Sport". Devo dire che, ad una prima lettura, ho trovato in "Camilla che odiava la politica" una ricostruzione romanzesca delle vicende di Tangentopoli poco convincente, tendente ad una dimensione quasi fiabesca, con esiti che mi hanno ricordato, in qualche frangente, i romanzi di Roald Dahl. Ho cercato di accantonare le mie iniziali perplessità, facendo leva invece sui canoni caratteristici del romanzo di formazione, di cui è protagonista un'adoloscente, Camilla, che ha perso il padre in circostanze tragiche e che grazie ad alcuni fortunati (ma poco fortuiti) incontri, scopre in se stessa la passione per la [...]

Esercizi di analisi logica

Cliccando su questo link è possibile accedere ad un portale che contiene degli esercizi di analisi logica online. Gli esercizi di analisi logica sono graduati, e possono essere quindi svolti tutti in modo completo, partendo dalle strutture più semplici (soggetto e predicato) a quelle più complesse, come i principali complementi indiretti. Questa pagina è stata concepita come prosecuzione ideale alle attività di grammatica per scoperta già pubblicate in passato, e si adatta in particolar modo alla metodologia della flipped classroom, che prevede l'esecuzione, in classe, di esercizi, anche con l'utilizzo delle nuove tecnologie. Questi esercizi di analisi logica, infatti, sono stato programmati per essere svolti anche con il tablet e lo smartphone, nonostante la modalità più adeguata per la loro esecuzione rimanga, a mio avviso, quella con carta e penna: cliccando su ciascuna frase si aprirà una finestra in cui sono elencati i gruppi di parole della frase che dovranno [...]

Ripasso di analisi logica

All'inizio della terza media ci si trova con la necessità di riprendere e ripassare gli argomenti svolti nel precedente anno scolastico; per quanto riguarda grammatica, anche quest'anno mi è capitato di iniziare con un rapido ripasso di analisi logica. Come fare? Correggere subito gli esercizi assegnati durante le vacanze estive? Proporne di nuovi creati al momento oppure ripresi dal solito manuale in adozione? Per evitare queste attività, quest'anno mi sono messo alla ricerca di un'alternativa che potesse favorire fin dall'inizio anche un approccio cooperativo, che va incentivato per creare da subito un clima di classe positivo e coeso. Tenendo conto che i ragazzi, oltre alle conoscenze acquisite nel corso dell'anno e ripassate nel corso dell'estate, hanno a portata di mano anche nel quaderno di grammatica anche la tabella con tutti i complementi studiati, ho pensato di dare questa consegna per il ripasso di analisi logica, in cui la conoscenza delle [...]

Mio fratello rincorre i dinosauri

"Mio fratello rincorre i dinosauri (Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più)" di Giacomo Mazzariol non è soltanto un romanzo sulla diversità (e l'identità), sui rapporti familiari o sull'amicizia, ma anche e soprattutto un romanzo di formazione: "Mio fratello rincorre i dinosauri" narra dell'emancipazione del protagonista, grazie alla presenza del fratello Giovanni, dalla paura e dal conformismo, e la liberazione raggiunta attraverso la conoscenza di sé e il desiderio (rappresentato in molti modi, dalla musica ascoltata e suonata all'innamoramento). Inoltre, "Mio fratello rincorre i dinosauri" contiene alcuni capitoli esemplari, che potrebbero essere riportati in qualche antologia usata nella scuola media: mi riferisco in modo particolare all'episodio che avviene nel parco pubblico, quando il protagonista non riesce a difendere il fratello Giovanni da un gruppo di bulli che lo deridono per la sua diversità, e che costituirà l'inizio della presa di coscienza di Giacomo. Oppure al capitolo [...]

Scheda didattica sul racconto giallo

Il giallo, l'inossidabile giallo, sembra che continui ad essere uno dei generi preferiti dai ragazzi. Al di là del suo avvincente meccanismo narrativo, il giallo ha qualcosa a che vedere con il modo stesso in cui conosciamo la realtà: ogni conoscenza è detection, e un filosofo come Gilles Deleuze, oltre a riconoscere nell'Edipo Re di Sofocle la dimensione archetipica del racconto giallo, ha anche spiegato in Differenza e ripetizione che ogni libro di filosofia è, in qualche modo, un racconto giallo. Siegfrid Kracauer aveva dedicato ai meccanismi di questo genere letterario uno studio particolarmente acuto, in cui il racconto giallo perdeva la connotazione di un "pastiche extraletterario", essendosi dotato di "strumenti estetici e peculiari". Ancora di più, mi sembra di ricordare che Kracauer ponesse l'accento sul fatto che ogni racconto giallo si fondi su un preciso modello di razionalità, storicamente situato e sempre diversificato, di cui porta delle tracce perfettamente riconoscibili, come [...]

Morfologia

Con una classe prima media, dopo aver affrontato alcune questioni relative alla fonologia e all'ortografia, ci stiamo accingendo ad iniziare lo studio della morfologia. Per motivi di carattere contestuale, ho deciso di affrontare la morfologia in modo diverso dall'impostazione del libro di testo, che si muove su binari piuttosto tradizionali. Quindi, accanto allo studio sistematico delle diverse parti del discorso (per il quale devo valutare se anticipare, almeno in parte, lo studio del verbo prima dell'aggettivo e del pronome), ho pensato di affiancare uno studio quotidiano della morfologia, da svolgersi in un tempo molto ristretto in ciascuna lezione, e da ripetere ogniqualvolta ci siano almeno due ore vicina, anche se di altre materie letterarie. L'attività potrebbe essere estesa, in un'ottica multidisciplinare, anche agli insegnamenti di lingua straniera o, eventualmente, anche a tutte le altre materie. Lo spunto per l'organizzazione di questo lavoro sulla morfologia mi è stato offerto da una [...]

Coordinate geografiche

Negli ultimi anni di insegnamento ho incontrato qualche difficoltà quando ho dovuto affrontare assieme ai ragazzi di prima media il sistema di riferimento formato dal reticolato geografico e la conseguente individuazione dell’esatta posizione di un luogo attraverso l’utilizzo delle coordinate geografiche. Ho quindi pensato di strutturare almeno un segmento dell’unità di geografia dedicata alle coordinate geografiche chiamando in causa anche l’educazione linguistica, ed in particolar modo la produzione del testo regolativo. L’attività consiste nella proposta agli allievi di progettare un gioco didattico finalizzato al corretto utilizzo delle coordinate geografiche, attraverso una revisitazione della battaglia navale tradizionale: gli alunni devono quindi scrivere, attraverso un lavoro cooperativo a piccoli gruppi, le regole della nuova battaglia navale “mondiale”, sulla base di una cornice di regole-base fornite dall’insegnante, che riguardano sia lo svolgimento dell’attività progettuale sia le modalità di gioco, che ovviamente deve includere il corretto utilizzo delle coordinate geografiche. Rispetto al gioco tradizionale, [...]

Fahrenheit 451

«Sii prudente. Abbi cura della tua salute. Se dovesse succedere qualcosa a Harris, tu sei il libro dell’Ecclesiaste. Vedi come sei diventato importante da un minuto a questa parte?» «Ma non me lo ricordo più!» «No, niente mai si perde veramente.» «Ma ho già tanto cercato di ricordare!» «Non sforzarti oltre. Ti ritornerà in mente, quando ne avremo bisogno. […] Ti piacerebbe, uno di questi giorni, Montag, leggere la Repubblica di Platone?» «Ma certo!» «Sono io la Repubblica di Platone.» Bradbury, Fahrenheit 451 Una sera della settimana scorsa, per caso, ho riletto qualche pagina di Fahrenheit 451 di Ray Bradbury. L’aspetto che trovo sorprendente di questo romanzo non è tanto la descrizione di mondo dominato dal Potere (visto come una vasta, ma fortunatamente non assoluta, istituzione manicomiale che, attraverso la lesione sistematica della privacy, la “normalità” della professione, della televisione e degli psicofarmaci, demolisce ogni dinamica desiderativa) quanto piuttosto la [...]

L’Italia postunitaria

I problemi dell'Italia postunitaria costituiscono un tema importante e dibattuto per la nostra storia, che lasciano spesso delle tracce in alcune dinamiche che caratterizzano l'attuale scenario politico ed economico nazionale. Nella programmazione di Storia di terza media non rinuncio mai a trattare l'Italia postunitaria, anche se in modo sintetico: dopo aver concluso l'unità didattica sulla Seconda Rivoluzione Industriale e l'Età dell'Imperialismo, dedico solitamente un paio d'ore di lezione su Destra Storica, Sinistra Storica ed Età giolittiana, proponendo come criterio per affrontare questa congiuntura i problemi dell'Italia postunitaria e il modo in cui sono stati affrontati tra il 1861 al 1914. Come probabilmente è accaduto nel caso della scheda realizzata sul Risorgimento, anche in questo caso qualche lettore ben documentato rileverà la semplificazione forse eccessiva di alcuni snodi storiografici, soprattutto in relazione ad una questione meridionale che ha assistito, all'altezza di questa congiuntura storica, ad una sostanziale ed ulteriore divaricazione economica tra Sud [...]

Orientamento scolastico e Platone?

Non nascondo che da diverso tempo stavo pensando di sperimentare qualche lettura filosofica con gli allievi di terza media. Ho pensato di provarci quest'anno, proponendo come lettura il "Mito della caverna" di Platone, nel corso delle attività di orientamento scolastico per la scelta della futura scuola. Personalmente ritengo che l'orientamento scolastico debba essere inteso in senso ampio, e che le attività che si svolgono in terza media per la scelta della scuola futura costituiscano solo una parte di un percorso di orientamento più lungo, di durata triennale, nel quale gli allievi imparano a confrontarsi con se stessi, con i propri interessi, le proprie aspirazioni, i propri punti di forza. In questo contesto, penso sia necessario non trascurare mai il valore che la conoscenza ha in sé, anche al di fuori di una sua applicazione pratica o meramente tecnica: quindi ritengo che anche nella scuola media sia importante veicolare l'idea che [...]

Imperialismo tra storia e scrittura

L'imperialismo è uno dei concetti storico-geografici centrali nel programma di terza media. Per quanto riguarda l'inquadramento nella programmazione di Storia, l'imperialismo viene letto in stretta correlazione alla Seconda Rivoluzione Industriale e alla nascita della società di massa (come sempre, un utile strumento di approfondimento e sintesi è rappresentato dall'Enciclopedia Treccani online, per la quale si veda questo link). Nel corso scolastico di quest'anno ho scelto di proporre a due classi terze un'attività che coinvolge sia la conoscenza dei fenomeni storici appena citati sia la produzione scritta: ho infatti invitato gli allievi ad immaginare di vivere in uno stato industriale di fine Ottocento e di impersonare diversi personaggi storici che si scambiano una serie di lettere che idealmente vanno a comporre un romanzo epistolare, grazie al quale emergono le linee fondamentali della politica e dell'economia dell'imperialismo. Questa attività è stata svolta dopo aver affrontato in modo analitico la Seconda Rivoluzione Industriale, le sue conseguenze [...]

Individua la frase semplice

L'individuazione della frase semplice all'interno della frase complessa è la prima competenza su cui si costruisce la familiarità degli allievi con l'articolazione e l'analisi del periodo. Utilizzando le librerie di bootstrap, jquery e un po' di css, ho realizzato questo esercizio di individuazione della frase semplice da fare online, con correzione immediata. Si tratta semplicemente di una riproduzione digitale di un esercizio tradizionale di analisi del periodo, che consiste nel separare con delle barrette ogni frase semplice presente nel testo. All'inizio dell'esercizio online ho anche inserito la possibilità di personalizzare la schermata, soprattutto a beneficio degli alunni con dsa: è possibile infatti modificare il carattere, le dimensioni, lo stile e il colore dello sfondo del testo da analizzare. L'aspetto che mi ha maggiormente colpito e incuriosito di questo lavoro è la complessità del periodare di questa fiaba, che è tratta da una collana di libri per bambini di un paio di [...]

Scheda sul Risorgimento

La necessità di elaborare questa scheda didattica sul Risorgimento deriva dal fatto che il manuale attualmente in adozione (giusto per non fare nomi, si tratta di Ieri, domani della Loescher) suddivide la sua trattazione di questo importante tema in tre capitoli distinti (il Quarantotto in Europa, l'Unità d'Italia e i problemi dell'Italia post-unitaria). Personalmente ritengo che i fatti del Risorgimento che vanno dal 1948 al 1970-71 vadano trattati, per maggior chiarezza espositiva e ordine logico, in una stessa unità di apprendimento: per questo motivo ho ritenuto utile proporre ai ragazzi un quadro generale dei contenuti che saremmo andati ad affrontare, e successivamente ho indicato in modo esatto le pagine del manuale da studiare, in modo da non creare troppa confusione. Questa scheda didattica sul Risorgimento non vuole essere soltanto un esercizio, ma anche uno strumento utile per il ripasso di tutta l'unità e, nel contempo, anche per la revisione precedente l'esame [...]

Rebus didattici

Il rebus rappresenta a mio avviso un interessante esercizio di problem solving, sia linguistico che visivo. Mi è capitato, a conclusione delle lezioni dello scorso anno scolastico, di proporre ad una classe una batteria di giochi didattici, sui quali dovevano confrontarsi diverse squadre formate da 4-5 alunni ciascuno. Devo dire che, tra i giochi proposti, i rebus hanno destato il maggior interesse, probabilmente perché, non essendo di immediata risoluzione, stimolavano la curiosità dei ragazzi. In quel caso particolare, ho dato una serie di indizi progressivi, in modo tale che ciascun gruppo potesse pervenire alla soluzione. A seguito di questa esperienza, pubblico qui una piccola raccolta di rebus tratti dall'indispensabile Settimana Enigmistica, corredata da una guida alla risoluzione programmata in javascript che dovrebbe permettere ai ragazzi (e penso in particolare agli allievi delle prime classi di una scuola secondaria di primo grado) di entrare nei più semplici meccanismi risolutivi di questi rebus. [...]

Quello laggiù è il mio cuore

Quando tornò a casa, lei non c’era ma la macchina sì. Arrivò fino alla stalla e vide che mancava il cavallo di lei. Allora si avviò di nuovo verso la casa ma poi si fermò e pensò che magari si era fatta male, andò nello stanzino degli attrezzi e staccò la sella dal gancio, la portò verso i box degli animali, fece un fischio al suo cavallo e lo vide alzare la testa da dietro la porticina in fondo alla stalla, con le orecchie tese. Montò in sella e si avviò, tenendo le redini con una mano e accarezzando il cavallo con l’altra. Mentre anda­vano gli parlava. Si sta bene qui fuori, eh? Tu lo sai do­ve sono andati? Non importa. Non ti preoccupare. Tan­to li troviamo. Dopo quaranta minuti la vide, fermò il cavallo e restò a guardarla. Stava costeggiando un crinale di argilla rossa in direzione sud, con [...]

Grammatica per scoperta

Le schede didattiche di grammatica per scoperta che propongo qui sono molto semplici, ma rispondono all'esigenza di invertire il rapporto, nello studio grammaticale, tra la regola e le sue ricorrenze nei casi particolari Rifacendosi, seppur in modo semplificato, all'idea di una grammatica induttiva (ricordo a tal proposito l'interessante lettura dello studio Esperimenti grammaticali di Lo Duca), la grammatica per scoperta ha come obiettivo quello di guidare gli alunni a ritrovare delle ricorrenze semantiche e all'individuazione, tra una serie di frasi date, dei singoli complementi. In questo modo, anziché partire dalla regola per fare degli esercizi, gli allievi vengono posti di fronte ad un quesito da risolvere. Come sempre, le schede di grammatica per scoperta che propongo qui sono state sperimentate in classe, attraverso il lavoro in piccoli gruppi. Ciascun gruppo, formato da 4 o 5 allievi, deve leggere un gruppo di frasi in cui vengono sottolineati i complementi che si intende [...]

Galileo e Keplero

La Rivoluzione Scientifica è sicuramente uno degli argomenti del programma di Storia di seconda media che affascina maggiormente gli allievi. La Rivoluzione Scientifica, inoltre, si presta ad una trattazione estremamente stratificata, che intreccia la mutazione delle concezioni cosmologiche a quelle relative al corpo umano, la nascita di nuove discipline di studio, i profili biografici di alcuni personaggi fondamentali nella storia del pensiero scientifico. L'argomento si presta quindi ad una serie di approfondimenti che potenzialmente spaziano in molteplici direzioni. Propongo qui un'attività che ho effettuato in due classi diverse, e che, oltre ad aver intercettato l'interesse degli allievi, ha prodotto una ricaduta positiva in termini di attenzione e conoscenze acquisite. In un caso, l'attività è stata svolta in modo del tutto autonomo dagli allievi in aula LIM, senza l'intervento dell'insegnante. Questa attività relativa alla Rivoluzione Scientifica consiste nella visione e nell'analisi di un breve documentario storico-scientifico dedicato alle figure di Galileo [...]

Prove invalsi online

Prove Invalsi online: perché pubblicarle?Innanzitutto per l'artigianato informatico che mi sono apprestato a fare lavorando a questo progetto, una giustificazione più che legittima per la pubblicazione di queste prove invalsi online; volevo infatti sperimentare concretamente lo studio di html, css e javascript a cui mi sono dedicato di recente, anche per capire se questi linguaggi possano costituire una risorsa didattica potenzialmente interessante (tanto che mi sono interrogato se non sia il caso di proporre dei laboratori ai ragazzi).Eccoci quindi alle potenzialità didattiche: il lavoro sul codice html esige una tale precisione che una virgola messa al posto di un punto fermo può pregiudicare l'intero lavoro: quindi, in un laboratorio pomeridiano anche di scuola media, i ragazzi, tra le altre cose, potranno anche facilmente capire che rigore, precisione, esattezza non sono noiose astrazioni, ma condizioni necessarie per l'esecuzione di alcuni lavori. Inoltre il lavoro con html e css presenta un vantaggio molto importante in chiave didattica: permette infatti [...]

Giochi didattici

I giochi didattici sono le migliori attività che si possano fare nelle ultime lezioni dell'anno scolastico. Di solito ripeto sempre ai miei allievi che l'ultimo giorno di scuola è pur sempre l'ultimo giorno di scuola. Quindi mi rifiuto sempre, al termine delle lezioni, di perdere tempo con attività come andare a mangiare il gelato, colorare magliette-souvenir, andare in giro per la scuola et similia. Per domani ho quindi preparato dei giochi didattici, da svolgere a squadre, tratti dalla meravigliosa "Settimana Enigmistica", un settimanale imperdibile e necessario. L'attività sui giochi didattici si svolgerà nel seguente modo: gli allievi verranno suddivisi in squadra da 4 elementi ciascuno: ad un allievo, possibilmente il meno avvezzo a mettersi in luce, si affiderà il ruolo del portavoce, che a mio avviso è l'unico compito veramente necessario. Eventualmente si possono indicare anche coloro che alzeranno la mano per rispondere o chi scriverà la risposta alle domande. [...]

La conferenza di Parigi

La Conferenza di Parigi costituisce un momento cruciale nella storia del Novecento europeo e mondiale. Nei manuali di storia in adozione, la sua trattazione solitamente occupa il paragrafo conclusivo del capitolo riguardante la Prima Guerra Mondiale. Tuttavia, come ampiamente riconosciuto in sede storiografica, la Conferenza di Parigi, il dibattito che l'ha caratterizzata, la prevalenza delle posizioni di Francia ed Inghilterra e il riflusso degli Stati Uniti verso una politica isolazionista, hanno fatto sì che la pace imposta alla Germania abbia immediatamente gettato le basi per un futuro conflitto tra gli stati europei. Per affrontare questo snodo cruciale della storia del Novecento, ho scelto di ricorrere ad una puntata della trasmissione televisiva "Il tempo e la storia" dedicata alla Conferenza di Parigi, che a mio avviso, per chiarezza e sintesi, può costituire un approfondimento destinato agli allievi di terza media, anche in preparazione all'esame di stato; la puntata può essere vista in [...]

Cortometraggio a scuola

Realizzare un cortometraggio a scuola è un'impresa molto difficile e complessa, per diversi motivi. Oltre a motivazioni di carattere squisitamente tecnico (il docente deve conoscere, almeno a grandi linee, il mestiere di regista, ed avere un bagaglio tecnico che gli permette di occuparsi o supervisionare tutte le fasi del lavoro), altri problemi riguardano la scelta del soggetto, la suddivisione in ruoli del gruppo classe, il lavoro di rielaborazione testuale, la trasposizione da testo narrativo a sceneggiatura, la realizzazione di uno storyboard e infine le riprese. Lo scorso anno scolastico ho avuto la fortuna di poter declinare in senso pratico un cineforum inizialmente concepito in modo piuttosto tradizionale: ho infatti chiesto ai ragazzi se preferissero fare un lavoro di analisi del film oppure se volessero mettersi in gioco nella realizzazione di un cortometraggio. In effetti la proposta era dovuta al fatto di aver incrociato, quasi per caso, un racconto di Stefano [...]

Errori logici in un testo narrativo

L'attività proposta consiste in una comprensione testuale finalizzata al ritrovamento di errori logici un testo narrativo. Il lavoro è stato sperimentato in classe diverse volte, e ha incontrato il favore degli alunni proprio per la sua veste di gioco didattico. La scheda didattica dell'attività può essere assegnata come compito per casa, come esercitazione in classe, come esercizio di una verifica di comprensione del testo, oppure come attività aggiuntiva per chi ha già completato un tema o una verifica. Una modalità diversa (e forse più interessante, ma che non ho mai sperimentato) è quella di dare una consegna diversa agli allievi (magari di carattere grammaticale) per capire chi della classe riesce a notare gli errori presenti nel testo senza l'anticipazione della consegna. Chi volesse sperimentarla mi faccia sapere come va! A questo link è possibile scaricare il pdf della scheda didattica.   Roma, 24 gennaio 2008, una giornata come tante altre. Il signor Franco [...]

Fiaba tradizionale e fiaba moderna

Il confronto tra fiaba tradizionale e fiaba moderna viene affrontato da tutte le antologie in adozione per il primo anno di scuola media. Si tratta di un genere testuale piuttosto semplice per quanto riguarda la comprensione del testo, più complesso (e per alcuni alunni decisamente ostico) per quanto concerne la produzione scritta. In uno degli ultimi anni scolastici, nel corso dei laboratori pomeridiani, ho sperimentato la visione e l'analisi del lungometraggio di animazione "Cappuccetto rosso e gli insoliti sospetti", che rappresenta una rilettura piuttosto originale della fiaba di Cappuccetto Rosso, intrecciata con una serie citazioni cinefile divertenti da rilevare agli addetti ai lavori (come nel caso di Rashomon di Akira Kurosawa o di Matrix dei fratelli Wachowski. Il ribaltamento dei personaggi, la struttura narrativa che procede per flashback, la mescolanza tra la fiaba e l'intreccio giallo, molte scene d'azione coinvolgenti e un ritmo molto movimentato, fanno di questo film un lungometraggio ideale da proporre [...]

La monarchia assoluta di Luigi XIV

Nonostante il Seicento sia un secolo molto interessante, oltre che sul piano filosofico e culturale anche sul piano geo-politico (ricordo l'appassionante lettura universitaria di Felix Austria di Robert Evans), di solito con i ragazzi limito la sua trattazione a quattro nuclei fondamentali: 1. Un quadro generale di carattere economico e politico del secolo (che non si sofferma sugli eventi politici, ma si propone di mettere in evidenza soltanto gli stati più importanti, quelli in declino e quelli emergenti nel panorama europeo); 2. La nascita della monarchia costituzionale in Inghilterra, che anticipa la nascita delle democrazie moderne; 3. Il consolidamento dello stato assoluto in Francia, che in ultima istanza è la forma di governo più diffusa fino alla Rivoluzione Francese e oltre; 4. La rivoluzione scientifica, che cambia l'immagine della natura e dell'universo. Tutti gli altri aspetti vengono affrontati soltanto in percorsi individuali personalizzati, con approfondimenti dei singoli alunni. In particolare, la [...]

Mission

Mission di Roland Joffè, film del 1986 vincitore al Festival di Cannes e interpretato da Robert de Niro, Jeremy Irons e Liam Neeson, è un titolo molto tradizionale per il cineforum scolastico, tanto che molte antologie o manuali di storia lo propongono come visione collegata all'incontro tra culture diverse oppure alle conquiste coloniali europee del Cinquecento. Tratto da uno spunto storico reale, verificatosi in America del Sud attorno al 1750, Mission narra attraverso gli occhi del cardinale Altamirano il sacrificio di una comunità di indios Guaranì convertita al Cattolicesimo e dei padri gesuiti che avevano contribuito a fondarla; uniti, i religiosi europei e gli indigeni tentano di opporsi all'attacco dell'esercito portoghese, deciso a porre fine alla missione di San Carlos che, assieme ad altre (come quella più importante di San Miguel) veniva vista come una pericolosa forma di concorrenza economica e soprattutto come un modello di società pericoloso e potenzialmente sovversivo. Il racconto [...]

Vedersi guardare

Una mattina, durante una delle sue passeggiate d'erborista, una circostanza insignificante e quasi grottesca lo fece riflettere; essa ebbe su di lui un effetto paragonabile a quello d'una rivelazione che illumini un devoto su qualche santo mistero. Era uscito dalla città all'alba per recarsi dove cominciano le dune, portando con sé una lente che aveva fatta costruire dietro sue precise indicazioni da un occhialaio di Bruges e che gli serviva ad esaminare da vicino le radicette e i semi delle piante raccolte. Verso mezzogiorno si addormentò coricato ventre a terra in una buca della sabbia, colla testa sul braccio; la lente cadutagli di mano giaceva sotto di lui su un cespuglio secco. Al risveglio credette di scorgere sul proprio viso una bestia straordinariamente mobile, insetto o mollusco che si muoveva nell'ombra. Era di forma sferica; la parte centrale d'un nero brillante e umido, circondata da una zona bianca piuttosto opaca [...]

Sherlock Holmes

Sherlock Holmes è un film di Guy Ritchie del 2009, interpretato da Robert Downey Jr. (ma qui già avviato verso l'identità fisiognomica con Al Pacino) nel ruolo dell'investigatore inglese e da Jude Law in quello del Dottor Watson. Il film non rielabora la struttura classica del giallo ad enigma, ma aderisce piuttosto ad recente genere cinematografico che definirei "vittoriano", e che ibrida aspetti legati all'indagine razionale ad altri di carattere esoterico e irrazionalista (il cui apice è probabilmente The prestige di Christopher Nolan). In estrema sintesi, il film racconta il modo in cui Holmes e Watson riescono ad assicurare alla giustizia Lord Blackwood, capo di una setta esoterica che ha come obiettivo politico la riconquista degli Stati Uniti d'America da parte dell'Inghilterra durante la Guerra di Secessione. Per attuare il suo piano, Blackwood ingaggia una sfida personale contro Holmes, prima fingendosi morto e, in seguito, una volta redivivo, cerca di assoggettare il [...]

Immagini ed esperienza

Una via verso la realtà passa attraverso le immagini. Non credo che ne esista una migliore. Ci teniamo stretti a ciò che non muta e così riusciamo a far affiorare ciò che muta perennemente. La immagini sono reti, quel che vi appare è la pesca che rimane. Qualcosa scivola via e qualcosa va male, ma uno riprova, le reti le portiamo con noi, le gettiamo e, via via che pescano, diventano più forti. E’ importante, però, che queste immagini esistano anche al di fuori della persona, in lui sono anch’esse soggette a mutamento. Deve esserci un luogo dove uno possa ritrovarle intatte, e non uno solo di noi, ma chiunque si senta nell’incertezza. Quando ci sentiamo sopraffatti dal fuggire dell’esperienza, ci rivolgiamo ad un’immagine. Allora l’esperienza si ferma, e la guardiamo in faccia. Allora ci acquietiamo nella conoscenza della realtà, che è nostra, anche se qui era stata prefigurata per noi. Apparentemente, [...]

Il giro del mondo in 80 giorni

Il giro del mondo in 80 giorni è un film diretto da Frank Coraci nel 2004, che ben si presta ad essere utilizzato come completamento dell'attività di conoscenza dei caratteri e di comprensione del romanzo d'avventura. Molte antologie per il primo anno di scuola media propongono ancora lo studio di questo genere letterario, che tuttavia per gli allievi risulta particolarmente complesso e difficile, sia a causa dei temi trattati (spesso legati all'attualità storica e scientifica del momento in cui sono stati scritti) sia a causa di un lessico difficile. Ciò accade in modo particolare per i classici del genere, risalenti alla letteratura della seconda metà dell'Ottocento o dei primi decenni del Novecento. In questo senso, il film di Coraci unisce ad un'originale rilettura del romanzo di Verne (a questo link alcune differenze con il romanzo) anche molti aspetti legati al racconto comico e umoristico, una linearità nella narrazione di non [...]

L’arte rinascimentale

Stasera finalmente mi sono dedicato ad una delle mie attività preferite: preparare una presentazione in power-point con l'analisi di alcune fonti iconografiche di Umanesimo e Rinascimento. Ho scelto di proporre ai ragazzi "La flagellazione" di Piero della Francesca, "Cristo morente" di Mantegna, "Nascita di Venere" di Botticelli e, ovviamente, la "Scuola di Atene" di Raffaello. Evidentemente il numero delle proposte di analisi dipenderà come sempre dal livello attentivo della classe, che non si può mai conoscere anticipatamente. In ogni caso, il tempo previsto per una presentazione delle quattro opere dovrebbe aggirarsi, approssimativamente, attorno ai 20-30 minuti di lezione, tenuti con il supporto della lavagna multimediale LIM. Sarà richiesto agli alunni di prendere appunti soltanto per i contenuti particolarmente notevoli della lezione, e in ogni caso la presentazione verrà caricata nel blog del docente oppure messa a disposizione nel pc di classe, dove potrà essere scaricata tramite penna usb. La presentazione [...]

Umanesimo e Rinascimento

Allego una presentazione in power-point sui caratteri fondamentali di Umanesimo e Rinascimento. La presentazione riprende e sintetizza il capitolo del manuale di Storia "Ieri, domani" di Carlo Cartiglia, e ne segue l'ordine logico ed espositivo. Questa presentazione presentazione non va quindi considerata separatamente dal testo, ma ne costituisce parte integrante, e può essere considerata come un documento di sintesi dei concetti fondamentali. Riteniamo infatti che la produzione di mappe, schemi, sintesi scritte o riassunti non debba mai essere un esercizio fine a se stesso, o che non debba mai prescindere dalla comprensione testuale, che costituisce il primo e imprescindibile livello di un buon metodo di studio; ogni lavoro di selezione e organizzazione dei contenuti poggia le sue basi su una corretta comprensione dei fenomeni storici. La seguente presentazione sui caratteri fondamentali di Umanesimo e Rinascimento può quindi essere utilizzata in molti modi, tuttavia non deve essere lasciata completamente alla lettura degli [...]

I moti della terra

Di seguito allego un'agile presentazione in power-point che illustra i principali moti della Terra (rotazione e rivoluzione) e le loro conseguenze sul clima e sulla vita sulla Terra. La presentazione può essere proiettata sulla lavagna multimediale e può essere utilizzata come integrazione ai manuali in adozione, che non di rado si dilungano in spiegazioni eccessivamente complesse e poco intuitive di geografia astronomica, anche per alunni di terza media. L'obiettivo dell'attività è mettere a fuoco le conseguenze dei moti della Terra sull'irraggiamento e il riscaldamento della superficie terrestre, prerequisito essenziale per l'analisi delle dinamiche climatiche del pianeta. L'attività può svolgersi attraverso l'illustrazione con la Lim e l'invito agli alunni di prendere appunti contestualmente alla spiegazione. E' possibile scaricare la presentazione "I moti della Terra" a questo link.

Industrializzazione e urbanizzazione

Il problema dell'urbanizzazione viene affrontato più volte nel corso del triennio, sia nella programmazione di storia che in quella di geografia; i fenomeni di urbanizzazione, inoltre, presentano molti ancoraggi con l'esperienza che gli alunni costruiscono e consolidano con il paesaggio antropizzato che li circonda, soprattutto nelle aree a vocazione industriale che si sono diffuse capillarmente nel territorio, soprattutto nei distretti del Nord Italia. Per questi motivi ho proposto ad alcuni dei miei alunni un approfondimento sul rapporto tra le forme dell'urbanizzazione e quelle dell'industrializzazione, ricavato da un contributo specialistico seminariale di un docente universitario di geografia (il testo è di Salvatore Cafiero, pubblicato in “Rivista economica del Mezzogiorno”, a.II, 1988, n.1, e consultabile al sito dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, a questo link). Il testo è stato evidentemente semplificato, e rielaborato attraverso una paragrafazione maggiormente aderente alla struttura concettuale dell'urbanizzazione e delle sue trasformazioni diacroniche. Dopo la prima lettura del [...]

Viaggio col morto

La macchina su cui Jessica Fletcher (famosa scrittrice di romanzi gialli ed investigatrice) e Amos Tupper, lo sceriffo di Cabot Cove, stanno viaggiando alla volta di Portland per l'annuale convegno degli sceriffi subisce un guasto. I due devono proseguire il viaggio in pullman, ma a metà strada sono costretti a un’altra sosta forzata perché la pioggia violenta si infiltra nel motore, danneggiando il veicolo. I passeggeri si rifugiano in una locanda, mentre l'autista tenta di riparare il guasto. Jessica torna sull'autobus a recuperare il suo libro e scopre il cadavere di uno dei passeggeri, pugnalato alla schiena con un cacciavite. L'assassino non può essere che uno degli infreddoliti clienti del bar... Questo l'inizio della puntata "Viaggio col morto" della celebre serie televisiva "La signora in giallo". La scheda che proponiamo è utile sia per un'attività di ascolto, visione e comprensione del testo audiovisivo, sia come ripasso, esercitazione o verifica delle [...]

Ottavia

Se volete credermi, bene. Ora dirò come è fatta Ottavia, città-ragnatela. C'è un precipizio in mezzo a due montagne scoscese: la città è sul vuoto, legata alle due creste con funi e catene e passerelle. Si cammina sulle traversine di legno, attenti a non mettere il piede negli intervalli, o ci si aggrappa alle maglie di canapa. Sotto non c'è niente per centinaia e centinaia di metri: qualche nuvola scorre; s'intravede più in basso il fondo del burrone. Questa è la base della città: una rete che serve da passaggio e da sostegno. Tutto il resto, invece d'elevarsi sopra, sta appeso sotto: scale di corda, amache, case fatte a sacco, attaccapanni, terrazzi come navicelle, otri d'acqua, becchi del gas, girarrosti, cesti appesi a spaghi, montacarichi, docce, trapezi e anelli per i giochi, teleferiche, lampadari, vasi con piante dal fogliame pendulo. Sospesa sull'abisso, la vita degli abitanti d'Ottavia è meno incerta [...]