Coloro che per primi fecero e pensarono il cinema partivano da un’idea semplice: il cinema come arte industriale giunge all’auto-movimento, il movimento automatico, fa del movimento il dato immediato dell’immagine. Un movimento di questo tipo non dipende più da un mobile o da un oggetto che io eseguirebbe, né da una mente che lo ricostruirebbe. È l’immagine che muove se stessa in se stessa. In questo senso non è dunque né figurativa, né astratta. Si dirà che questo era già vero per tutte le immagini artistiche; Ejzenstejn infatti continua a analizzare i quadri dì Leonardo da Vinci, del Greco, come fossero immagini cinematografiche […]. Ma le immagini pittoriche non sono per questo meno immobili in sé, sicché è la mente che deve “fare” il movimento. E le immagini coreografiche o drammatiche restano legate a un mobile. Solo quando il movimento diventa automatico, l’essenza artistica dell’immagine si attua: produrre uno choc sul pensiero, comunicare alla corteccia delle vibrazioni, toccare direttamente il sistema nervoso e cerebrale. “Facendo” il movimento e facendo quel che le altre arti si accontentano di esigere (o di dire), l’immagine cinematografica raccoglie l’essenziale delle altre arti, ne è l’erede, è quasi il modo d’impiego delle altre immagini, converte in potenza quel che era soltanto possibilità. Il movimento automatico suscita in noi un automa spirituale, che a sua volta reagisce su di lui. L’automa spirituale non designa più, come nella filosofia classica, la possibilità logica o astratta di dedurre formalmente i pensieri gli uni dagli altri, ma il circuito nel quale essi entrano con l’immagine-movimento, la potenza comune di ciò che costringe a pensare e di ciò che pensa sotto choc: un noochoc. Heidegger dirà: “L’uomo è in grado di pensare nella misura in cui ne ha la possibilità. Solo che questa possibilità non ci garantisce ancora che ne siamo capaci”. Comunicandoci lo choc, il cinema pretende di darci questa capacità, questa potenza, e non la semplice possibilità logica. Tutto avviene come se il cinema ci dicesse: con me, con l’immagine-movimento, non potete più sfuggire allo choc che risveglia in voi il pensatore. Un automa soggettivo e collettivo per un movimento automatico: l’arte delle “masse”.
Si sa che se un’arte avesse imposto necessariamente lo choc o la vibrazione, il mondo sarebbe da lungo tempo cambiato e gli uomini penserebbero da lungo tempo. Perciò questa pretesa del cinema, almeno nei suoi più grandi pionieri, oggi fa sorridere. Credevano che il cinema fosse capace di imporre lo choc e di imporlo alle masse, al popolo (Vertov, Ejsenstejn, Gance, Elie Faure…). Tuttavia intuivano che il cinema avrebbe incontrato, incontrava già, tutte le ambiguità delle altre arti, si sarebbe rivestito di astrazioni sperimentali, “buffonate formaliste”, e di rappresentazioni commerciali, di sesso o di sangue. Lo choc stava per confondersi, nel brutto cinema, con la violenza figurativa del rappresentato, invece di giungere, sviluppando le proprie vibrazioni in una sequenza mobile che si sprofonda in noi, a quest’altra violenza di un’immagine-movimento. Peggio ancora, l’automa spirituale rischiava di diventare il fantoccio di tutte le propagande, l’arte delle masse mostrava già un volto inquietante. La potenza o la capacità del cinema rivelava allora, a sua volta, di essere soltanto una pura e semplice possibilità logica. Per lo meno il possibile vi assumeva una nuova forma, anche se il popolo era ancora assente, anche se il pensiero doveva ancora giungere. Qualcosa era in gioco, in una concezione sublime del cinema. Quel che infatti costituisce il sublime è il fatto che l’immaginazione subisce uno choc che la spinge al proprio limite e forza il pensiero a pensare il tutto come totalità intellettuale che oltrepassa l’immaginazione.

Gilles Deleuze, L’immagine tempo.

Deleuze e Ejzenstejn
Deleuze e Ejzenstejn
Coloro che per primi fecero e pensarono il cinema partivano da un’idea semplice: il cinema come arte industriale giunge all’auto-movimento,
Read more.
ritornare a Pleasantville
Ritornare a Pleasantville
Ritornare a Pleasantville. Ogni qualvolta mi trovi a riflettere su un film da proporre ad una terza media riguardo all’orientamento,
Read more.
le infinite storie dei classici
Le infinite storie dei classici
Qualche tempo fa un amico mi ha invitato ad esprimere la mia posizione sull’opportunità di pubblicare alcuni romanzi classici in
Read more.
Fahrenheit 451
«Sii prudente. Abbi cura della tua salute. Se dovesse succedere qualcosa a Harris, tu sei il libro dell’Ecclesiaste. Vedi come
Read more.
Quello laggiù è il mio cuore
Quando tornò a casa, lei non c’era ma la macchina sì. Arrivò fino alla stalla e vide che mancava il
Read more.
Vedersi guardare
Una mattina, durante una delle sue passeggiate d’erborista, una circostanza insignificante e quasi grottesca lo fece riflettere; essa ebbe su
Read more.
Immagini ed esperienza
Una via verso la realtà passa attraverso le immagini. Non credo che ne esista una migliore. Ci teniamo stretti a ciò
Read more.
Ottavia
Se volete credermi, bene. Ora dirò come è fatta Ottavia, città-ragnatela. C’è un precipizio in mezzo a due montagne scoscese:
Read more.
grammatica valenziale
Grammatica valenziale: attività ed esercizi
La grammatica valenziale fonda il proprio statuto sulla proprietà, da parte del verbo, di legare a sé necessariamente un certo
Read more.
esercizi sulle coniugazioni verbali
Esercizi sulle coniugazioni verbali
A questo link si trovano una serie di esercizi sulle coniugazioni verbali. Questi esercizi sulle coniugazioni verbali sono distinti per
Read more.
esercizi di analisi logica
Esercizi di analisi logica
Cliccando su questo link è possibile accedere ad un portale che contiene degli esercizi di analisi logica online. Gli esercizi
Read more.
ripasso di analisi logica
Ripasso di analisi logica
All’inizio della terza media ci si trova con la necessità di riprendere e ripassare gli argomenti svolti nel precedente anno
Read more.
Morfologia
Con una classe prima media, dopo aver affrontato alcune questioni relative alla fonologia e all’ortografia, ci stiamo accingendo ad iniziare
Read more.
Le subordinate sostantive
Per introdurre l’argomento delle frasi subordinate sostantive, riprendo qui il modello di un’unità di apprendimento di grammatica per scoperta che
Read more.
Individua la frase semplice
L’individuazione della frase semplice all’interno della frase complessa è la prima competenza su cui si costruisce la familiarità degli allievi
Read more.
Grammatica per scoperta
Le schede didattiche di grammatica per scoperta che propongo qui sono molto semplici, ma rispondono all’esigenza di invertire il rapporto,
Read more.
L’Italia postunitaria
I problemi dell’Italia postunitaria costituiscono un tema importante e dibattuto per la nostra storia, che lasciano spesso delle tracce in
Read more.
Imperialismo tra storia e scrittura
L’imperialismo è uno dei concetti storico-geografici centrali nel programma di terza media. Per quanto riguarda l’inquadramento nella programmazione di Storia,
Read more.
Scheda sul Risorgimento
La necessità di elaborare questa scheda didattica sul Risorgimento deriva dal fatto che il manuale attualmente in adozione (giusto per
Read more.
Galileo e Keplero
La Rivoluzione Scientifica è sicuramente uno degli argomenti del programma di Storia di seconda media che affascina maggiormente gli allievi.
Read more.
La conferenza di Parigi
La Conferenza di Parigi costituisce un momento cruciale nella storia del Novecento europeo e mondiale. Nei manuali di storia in
Read more.
La monarchia assoluta di Luigi XIV
Nonostante il Seicento sia un secolo molto interessante, oltre che sul piano filosofico e culturale anche sul piano geo-politico (ricordo
Read more.
L’arte rinascimentale
Stasera finalmente mi sono dedicato ad una delle mie attività preferite: preparare una presentazione in power-point con l’analisi di alcune
Read more.
Umanesimo e Rinascimento
Allego una presentazione in power-point sui caratteri fondamentali di Umanesimo e Rinascimento. La presentazione riprende e sintetizza il capitolo del
Read more.
land-grabbing
Il land grabbing e le sue conseguenze
Il termine land grabbing (letteralmente “accaparramento di terre”) indica una forma di neocolonialismo per cui gli stati economicamente più forti
Read more.
attività cooperativa sui climi europei
Attività cooperativa sui climi europei
L’attività cooperativa sui climi europei che propongo è estremamente semplice, e segue l’impostazione di didattica per scoperta che è stata
Read more.
Coordinate geografiche
Negli ultimi anni di insegnamento ho incontrato qualche difficoltà quando ho dovuto affrontare assieme ai ragazzi di prima media il
Read more.
I moti della terra
Di seguito allego un’agile presentazione in power-point che illustra i principali moti della Terra (rotazione e rivoluzione) e le loro
Read more.
Industrializzazione e urbanizzazione
Il problema dell’urbanizzazione viene affrontato più volte nel corso del triennio, sia nella programmazione di storia che in quella di
Read more.
il battello bianco
Il battello bianco
Il battello bianco si staglia all’orizzonte, sul grande lago Ysykköl, nella periferia estrema dell’Unione Sovietica. Lo osserva un bambino senza
Read more.
cuore de amicis
Cuore di De Amicis: scheda sul romanzo
Benvenuta in Artigianato Didattico! La visualizzazione di questa pagina è riservata agli iscritti alla newsletter. Per accedervi, procedi all’iscrizione alla
Read more.
Camilla che odiava la politica
Camilla che odiava la politica
Per una fortuita (e fortunata) circostanza, alla fine dello scorso anno scolastico ho letto “Camilla che odiava la politica” di
Read more.
Mio fratello rincorre i dinosauri
“Mio fratello rincorre i dinosauri (Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più)” di Giacomo Mazzariol non
Read more.
No Post found
Deleuze e Ejzenstejn
Deleuze e Ejzenstejn
Deleuze e Ejzenstejn